Cerca nel blog

lunedì, febbraio 01, 2010

Il fornetto per le pizze ferrari, avevo lasciato in sospeso questa cosa

Modello pizza Express Napoli.
Raggiunge alte temperature in poco tempo, quelle necessarie per fare la pizza.
Non mi piace tanto il sistema delle pale da pizza, sono un disco di legno compensato tagliato a meta'.
Preferirei trovare, e non ho proprio idea dove, una vera pala per pizza. E' necessaria perche' le temperature raggiunte dal coso sono veramente elevate.
Provata la pizza surgelata, non ne vale la pena, ma per via della pizza surgelata, che era una ciofeca, non per altro (esistono pizze surgelate e pizze surgelate). Provata pizza fatta da me, ma devo trovare una formula migliore per la pasta, e in particolare per la mistura della farina, altrimenti puo' succedere che la pasta nel passaggio da piano di lavoro a forno si rompe e tutto il condimento se ne va per la pietra refrattaria e poi e' un casino. La pulizia dell'oggetto (che dopo i primi utilizzi diventa nero, la pietra intendo), una volta raffreddato ovviamente, e' piuttosto semplice.
Ah, il fornetto ferrari funziona piuttosto bene anche con le piadine.

6 commenti:

Fleurdelys ha detto...

da quello che dici non sembra chissà che sto fornetto. Forse devi trovare il giusto equilibrio degli ingredienti e sperimentando riuscirai ad ottenere le vere pizze doc. Coraggio, che sei brava tu!

Io ha detto...

Oh, non volevo dire che l'attrezzo non e' utile o adatto, solo che ci vuole un poco di manualita' per riuscire a utilizzarlo al meglio. In particolare, non mi piace proprio il sistema delle due mezze palette di legno. E' una questione di tempo. Grazie per l'incoraggiamento, comunque.

Esther ha detto...

Ce l'ho anch'io il Fornetto e ho le tue stesse perplessità sulla paletta divisa in due, fortuna vuole che ho una vecchia refrattaria dotata di pala normale, intera e con il manico.
Ma non è per questo che intervengo. Strano che certi blog, che come hai ben detto da qualche parte, siano inguardabili e però pieni di commenti e il tuo invece è spesso lasciato solo soletto. Invece è un bel blog, che non si perde in banalità. La cosa che non capisco è che per lasciare un commento qui si debba avere un account google. Perché non accetti anche gli anonimi? Forse molte persone sarebbero più invogliate a postare.

Io ha detto...

Grazie per i complimenti, quanto ai commenti non li amo poi tantissimo, nel senso che magari qualcuno commenta qualcosa che ho scritto molto tempo fa e rimane senza risposta perche' non me ne accorgo o me ne accorgo con grande ritardo. Alla fine questo blog e' il mio quadernetto di ricette, non ha altri scopi. Poi mi e' successo che qualcuno nei commenti metta dei link a siti di porcherie e quindi ho proprio dovuto cancellarli. E' comunque un blog molto visto, dopotutto ci sono blog di cucina molto molto piu' belli, completi e precisi.

Ester ha detto...

Grazie per le precisazioni.
Vorrà dire che verrò a trovarti silenziosamente.

Io ha detto...

Ma no, e' ovvio che tutti i commenti in tema sono benvenuti :-)
Basta che nessuno si arrabbi se non rispondo proprio in tempo...